cina_transiberianaTransiberiana La via della Seta

Giorno 1:Italia – Mosca
Arrivo in aeroporto, da prevedere entro le 16.30. Accoglienza e trasferimento in hotel. Dopo la cena, visita notturna della città con la sua Piazza Rossa, la metropolitana e due bellissime vecchie stazioni. Rientro in hotel, pernottamento.
Giorno 2: Mosca – Kazan
Prima colazione giornata interamente dedicata alla visita della città, per conoscere le principali attrazioni della capitale russa: il Cremlino e le splendide chiese ortodosse con i loro imponenti tetti dorati. Nella serata trasferimento alla stazione ferroviaria, dove si sale a bordo sul treno privato speciale in partenza verso Kazan. Pernottamento a bordo.
Giorno 3: Kazan
Arrivo in mattinata a Kazan, capitale della “Repubblica Autonoma dei Tatari”. È famosa per il suo immenso e stupendo Cremlino, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2000. In serata si sale di nuovo a bordo del treno, cena e pernottamento.
Giorno 4:Ekaterinburg
Prima colazione e nel pomeriggio arrivo a Ekaterinburg, la città più importante lungo la catena montuosa degli Urali. Fu fondata nel 1723 dallo Zar Pietro I. Sorta come industria metallurgica, nel XX secolo divenne uno dei centri finanziari, industriali e culturali più importanti. A est della città si trova il confine geografico tra l’Europa e l’Asia rappresentato dall’obelisco bianco. Trasferimento nel centro cittadino dove si visita la Cattedrale sul Sangue, completata nel 2004, situata nel luogo dove lo Zar Nicola II e la sua famiglia furono uccisi dai Bolscevichi nel 1918. Visita della città con la sua cattedrale, costruita in memoria dei tragici eventi storici. Cena e pernottamento a bordo del treno.
Giorno 5: Novosibirsk
Dopo aver attraversato le pianure della Siberia sosta a Novosibirsk. Con i suoi 1,5 milioni di abitanti, Novosibirsk è la terza città russa più grande ed è da tutti considerata la capitale della Siberia. Fu fondata nel 1893 nel sito del futuro ponte della linea transiberiana, che attraversa il fiume siberiano Ob. La sua importanza crebbe nella metà del XX secolo grazie all’ultimazione della ferrovia del Turkestan, che connette Novosibirsk all’Asia centrale e al mar del Caspio. Visita del centro della città e successivo imbarco sul treno privato, cena e pernottamento a bordo.
Giorno 6: Siberia
Prima colazione e continuazione lungo il fiume Yanisei nel cuore della Siberia, con le sue montagne, fiumi cristallini e colline ondulate. A bordo del treno si ha modo di gustare dell’ottimo caviale accompagnato da vodka. Cena e pernottamento a bordo del treno.
Giorno 7:Irkutsk
In mattinata arrivo a Irkutsk, chiamata un tempo la “Parigi della Siberia” per i suoi vivaci colori e famosa per il suo commercio con la Mongolia e la Cina. Sistemazione in hotel e successiva visita della città, con il suo teatro drammatico e la statua dello Zar Alessandro III. Pranzo durante l’escursione. Nel pomeriggio si visita un museo a cielo aperto che rappresenta le abitudini e le usanze locali ai tempi degli Zar. Cena e pernottamento in hotel.
Giorno 8:
Lago Baikal
Giornata interamente dominata dall’incredibile paesaggio naturale delle rive del lago Baikal. Il Baikal, “la perla della Siberia”, si estende per 26 miglia da est a ovest e per più di 370 miglia da nord a sud e con i suoi 1.620 m di profondità, è il lago più profondo del mondo. All’arrivo visita in pullman di un villaggio siberiano e successiva navigazione sul lago Baikal, per raggiungere il Port Baikal dove è possibile ammirare le tipiche case in legno. Pranzo durante l’escursione. In serata cena a pic-nic lungo le rive del lago (tempo permettendo). Dopo cena rientro sul treno e pernottamento a bordo.
Giorno 9: Ulan Ude
Si continua il viaggio in treno in direzione di Ulan Ude, costeggiando le rive del lago Baikal per poi addentrarsi nelle steppe montuose ondulate della Siberia Orientale. Arrivo a Ulan Ude, capitale della cosiddetta Repubblica autonoma dei Buriati della Federazione Russa. La città era una “città chiusa” al tempo dell’USSR. I Buriati sono un gruppo etnico molto simile ai mongoli e questa città rappresenta un mix di culture, un luogo di incontro tra est e ovest. Anche questa città come Irkutsk, presenta ampie zone con case tipiche siberiane in legno. Visita della città nel pomeriggio. Pasti e pernottamento a bordo del treno.
Giorno 10: Ulaanbaatar
Al mattino arrivo a Ulaanbaatar, capitale della Mongolia. Prima colazione e visita del Buddhist Gandan Monastery, il più grande e importante monastero della Mongolia nonché uno dei più imponenti monumenti della città. La sua costruzione ebbe inizio nel 1838 e oggi è la residenza di più di centocinquanta monaci. Si prosegue con il Museo della Religione che fu l’abitazione del Lama Luvsan Haidavi Choijin. Infine si ha la possibilità di assistere facoltativamente ad uno spettacolo folcloristico di arte e danze mongole (da pagare in loco). Cena e pernottamento in hotel.
Possibilità di pernottare con un costo aggiuntivo presso una tradizionale gher, tenda tipica mongola.
Giorno 11: Ulaanbaatar
Prima colazione e giornata dedicata ad una visita al Parco di Terelj, una zona che viene definita la “Svizzera mongola”, dove è possibile osservare meravigliose formazioni rocciose. Pic-nic durante l’escursione e successiva dimostrazione dell’abilità dei cavallerizzi locali. Ritorno sul treno, cena e pernottamento a bordo.
Giorno 12: Erlian e deserto del Gobi
Al mattino il treno arriva nel Deserto del Gobi famoso come il “Deserto dei Dinosauri”, ed è una depressione di circa 2.000 km da est ad ovest e di un migliaio di km da nord a sud. L’area protetta del Deserto dei Gobi è considerata dall’UNESCO “Riserva della Biosfera” poiché ospita le ultime rarissime specie endemiche esistenti in Mongolia ed è un paradiso per molte specie di animali. Continuazione fino a Erlian che si trova al confine con la Cina. Ad Erlian, a causa della diversità di scartamento del sistema ferroviario russo (“scartamento ampio” 1520 mm) rispetto a quello cinese (“scartamento standard” 1435 mm), il treno deve interrompere il proprio percorso. Sulla stessa piattaforma attende il treno speciale cinese di coincidenza. Si prosegue il viaggio in direzione di Pechino, cena e pernottamento a bordo. (Attenzione, le categorie Nostalgic Comfort e Bolshoi non sono disponibili per questa notte. La sistemazione in cabina singola non è garantita).
Giorno 13: Pechino
Arrivo a Pechino e sistemazione in hotel. Tempo a disposizione per attività a proprio piacimento. Cena libera. Pernottamento.
Giorno 14: Pechino
Prima colazione e successiva visita guidata della città. Durante l’escursione si ha la possibilità di visitare il Tempio Celeste, il maggiore fra tutti i templi, ed era un luogo sacro in cui gli imperatori Ming e Qing officiavano il culto del Cielo tre volte all’anno. Per questo il complesso è costituito da tre edifici: lo Yuanqiu Tan (Altare Circolare); il Huangqiong Yu (Celeste volta imperiale) e il Qinian Dian (Tempio della preghiera per i buoni raccolti). Si prosegue con la visita della grande Piazza di Tian An Men, che con i suoi 40 ettari di estensione, può contenere un milione di persone. È la più grande piazza della Cina ed anche del mondo. Nell’antichità, la Piazza Tian An Men era il luogo dove gli imperatori feudali proclamavano i loro decreti. Infine visita alla Città Proibita, palazzo imperiale delle dinastie Ming e Qing. Esso si trova nel centro di Pechino e si estende su di una superficie di 720.000 metri quadrati e consiste di 800 edifici, divisi in 8.886 stanze. Rientro in hotel, cena libera e pernottamento.
Giorno 15:
Pechino
Prima colazione. Visita della città della durata dell’intera giornata comprendente la grande Muraglia, considerata l’ottava meraviglia del mondo dall’UNESCO. Si tratta di una lunghissima serie di mura edificate nell’odierna Cina a partire dal III secolo a.C. (circa 215) dall’imperatore Qin Shi Huangdi, lo stesso a cui si deve il cosiddetto Esercito di terracotta di Xi’an. Si continua con i templi sepolcrali della dinastia dei Ming e la Via Sacra. Pranzo durante l’escursione. In serata cena in un ristorante locale dove si può gustare la tradizionale anatra alla pechinese. Pernottamento in hotel.
Giorno 16: Pechino – rientro in Italia (B)
Prima colazione e trasferimento all’aeroporto di Pechino in tempo utile per imbarcarsi sul volo di rientro in Italia.

Transiberiana classica